consorzio per la valorizzazione delle sementi

Registrazione

Consorzio per la valorizzazione delle sementi
UN CONSORZIO AL SERVIZIO DELL’AGRICOLTURA

Convase

Perché il Made in Italy ha bisogno del seme certificato?

Avrà luogo a Roma il prossimo 16 giugno, presso la sede della Cattaneo Zanetto & Co. in piazza San Lorenzo in Lucina 4, il convegno organizzato da Convase dal titolo “Perché il Made in Italy ha bisogno del seme certificato? PAC e PNRR per garantire la qualità delle produzioni.

L’evento intende riunire il mondo dell’agricoltura per riflettere in maniera sinergica su come il seme certificato, primo anello delle produzioni agricole, interviene a supporto del comparto primario e dei settori collegati per valorizzare il Made in Italy.

In un contesto dominato da crisi sempre più urgenti e concatenate, il comparto agricolo nazionale si trova a far fronte a policy sempre più ambiziose. L’evento intende riunire le istituzioni, la filiera, la ricerca e le aziende per riflettere sul ruolo del seme certificato nel comparto primario e nei settori collegati per valorizzare il Made in Italy agricolo, nonché per adeguare gli standard qualitativi e ambientali agli obiettivi della prossima PAC e del Fondo competitività delle filiere legato al PNRR.

Il PDF del programma della giornata è consultabile e scaricabile al link.

L’evento potrà essere seguito anche sulla piattaforma Zoom al link.

ID riunione: 763 787 9551

Passcode: sementi22

MONOGRAFIA 2021

Prosegue la collaborazione di CONVASE con l’Informatore Agrario che anche nel 2021 ha portato alla pubblicazione di una monografia sul seme certificato.

 

Il lavoro che riprende alcuni articoli pubblicati sulla rivista che nel corso dell’anno hanno accompagnato gli agricoltori nella scelta varietale delle proprie coltivazioni, presenta quest’anno altre importanti riflessioni sul supporto determinante garantito  dalla ricerca genetica e sul ruolo strategico che le intese di filiera possono avere per lo sviluppo del settore cerealicolo.

 

Sul fronte “filiera” ampio spazio è stato poi riservato all’intesa raggiunta dal Consorzio con diverse Organizzazioni di rappresentanza del mondo agricolo e sementiero che hanno trovato casa in seno al Consorzio andando a costituire quello che in pratica rappresenta l’embrione di una intesa interprofessionale che potrà assicurare un importante contributo alla crescita del settore.

 

La brochure 2021 è disponibile per il download e per la consultazione on e off line a questo link.

MONOGRAFIA 2020 SEME CERTIFICATO

Anche per quest’anno, l’Informatore Agrario ha pubblicato la monografica di Convase sul “Seme Certificato”.

“Garantire la qualità delle sementi aumenta il reddito” e “Strategie di filiera per ridare redditività al grano tenero” sono alcuni esempi degli importanti argomenti trattati nella ultima edizione.

La brochure è disponibile per il download e la consultazione on e off line a questo link.

Assemblea 2021 e Tavola rotonda su PAC e PSN

Si è tenuta lo scorso 10 giugno 2021 l’Assemblea Generale del Consorzio CONVASE che dopo le recenti modifiche statutarie approvate ad inizio anno è stata chiamata a eleggere il proprio nuovo Consiglio d’amministrazione. Un atto formale necessario per garantire la rappresentatività nel proprio Organo direttivo delle nuove figure che hanno aderito al Consorzio annunciandolo pubblicamente in occasione della conferenza stampa tenutasi a Roma lo scorso 26 febbraio (CIA – Agricoltori Italiani, ConfAgricoltura, Copagri, Alleanza delle Cooperative Agroalimentari e Assosementi). Oltre al necessario atto amministrativo, l’evento assembleare ha sancito la costituzione di un tavolo di confronto interno al Consorzio che rappresenta una sorta di embrione di intesa interprofessionale nell’ambito della quale le diverse Organizzazioni che ne fanno parte avranno l’opportunità di confrontarsi sulle problematiche dei settori agricolo e sementiero, di proporre iniziative e progetti capaci di intercettare le aspettative degli operatori. Con la nomina del Presidente e del Vice Presidente del Consorzio che verrà decisa a breve dal neo eletto Consiglio d’amministrazione il tavolo diventerà definitivamente operativo.

Il momento assembleare ha consentito al Consorzio di avviare di fatto tale confronto su un tema di stretta attualità e di estremo interesse per il settore agricolo e per quello sementiero: la nuova Politica Agricola Comunitaria. In apertura dei propri lavori assembleari si è infatti tenuta la Tavola rotonda “La nuova PAC e il Piano Strategico Nazionale, Le aspettative del mondo sementiero” che ha visto la partecipazione di rappresentanti di tutte le Organizzazioni di rappresentanza che hanno di recente aderito al Consorzio. Moderata dal Direttore dell’Informatore Agrario, Antonio Boschetti, la Tavola rotonda ha permesso ai partecipanti di commentare le recenti novità scaturite dal confronto tutt’ora in essere a livello comunitario e nazionale sulla PAC del futuro e sulle decisioni che il nostro Paese sarà chiamato ad adottare nei prossimi mesi tenendo sullo sfondo la tematica del miglioramento genetico vegetale e l’importanza del seme certificato per la valorizzazione delle filiere produttive.

Gli interessati possono vedere la registrazione dell’intero evento al seguente link.

La Tavola rotonda è stata introdotta da una dettagliata presentazione sulla nuova PAC svolta dal Dr Gabriele Chiodini dell’Università degli Studi di Perugia, scritta a quattro mani con il Prof. Angelo Frascarelli. La presentazione è scaricabile al seguente link.

Mercuri, Alleanza Cooperative Agroalimentari: Una filiera ben costruita garanzia di qualità

La valorizzazione delle produzioni passa attraverso una filiera ben costruita che parta dalle sementi e arrivi ad ottenere prodotti di qualità che rispondano alle aspettative dell’industria di trasformazione e dei consumatori.
Lo ha sostenuto all’evento organizzato a Roma dal Consorzio CONVASE il Presidente di Alleanza delle Cooperative Agroalimentari Giorgio Mercuri.
Il mondo della cooperazione è da sempre impegnata alla valorizzazione delle filiere produttive in tutte le sue componenti, sementi comprese. Una semente certificata è pertanto un valore aggiunto ed una certezza di qualità.
Fondamentale è anche il supporto che la ricerca può garantire al progresso della nostra agricoltura. In tema di ricerca, occorre recuperare il tempo perduto e favorire sinergie fra il settore pubblico (Università ed Enti di ricerca) e quello privato (ditte sementiere) auspicando una semplificazione delle attuali normative per quanto riguarda le nuove tecnologie applicabili al miglioramento delle varietà vegetali e quindi delle sementi.

Al seguente link è possibile visualizzare il video dell’intervista.

Di Zio, CIA-Agricoltori italiani: Il settore sementiero strategico per il progresso del sistema agricolo

CIA-Agricoltori italiani aderisce con convinzione e determinazione al nuovo raggruppamento che si è costituito in seno al Consorzio CONVASE con l’obiettivo di contribuire allo sviluppo del sistema sementiero italiano che è alla base di un sistema produttivo e di trasformazione industriale apprezzato in tutto il Mondo attraverso il Made in Italy.
Lo ha sostenuto Mauro Di Zio, Vicepresidente dell’Organizzazione in occasione dell’evento organizzato a Roma dal Consorzio CONVASE.
Per Di Zio la ricerca è alla base dei futuri progressi del sistema produttivo nazionale, ricerca che può trovare slancio dai nuovi fondi messi a disposizione dalla Comunità Europea.
L’accordo si pone l’obiettivo di incrementare l’impiego di seme certificato e di diversificare la produzione sementiera anche per andare incontro alle richieste di territori certamente meno vocati ma che rivestono un’importanza fondamentale per la salvaguardia del territorio.

Al seguente link è possibile visualizzare il video dell’intervista.

Verrascina, Copagri: Insieme per dare risposte al mercato e ai consumatori

All’evento organizzato dal Consorzio CONVASE sul tema “Il settore sementiero e agricolo: sfide e opportunità nello scenario post COVID”, il Presidente di Copagri, Franco Verrascina ha voluto sottolineare l’importanza dell’intesa siglata dalle rappresentanze del settore sementiero (Assosementi e CONVASE) e di quello agricolo (Confagricoltura, CIA-Agricoltori italiani, Copagri e Alleanza delle Cooperative Agroalimentari). Un’intesa che “può rappresentare il futuro del settore sementiero italiano, ma anche il futuro dell’agricoltura nazionale”.
L’intesa traccia la strada che dobbiamo percorrere guardando con attenzione alle risorse che la nuova PAC, il Green Deal e il Recovery plan mettono a disposizione con l’obiettivo di garantire la giusta redditività alle aziende agricole. Dobbiamo tenere presente che in effetti “tutto parte dal seme, ma senza gli agricoltori la filiera non si regge!”. Per questo l’intesa oggi sancita risulta essere di fondamentale importanza.

Al seguente link è possibile visualizzare il video dell’intervista.

Giansanti, Confagricoltura: Un futuro di ricerca e di produzione per l’agricoltura italiana

Massimiliano Giansanti, Presidente di Confagricoltura, intervenendo alla conferenza stampa organizzata da CONVASE ha voluto sottolineare l’importanza dell’incontro per il progresso della nostra agricoltura. Un progresso certamente non basato su situazioni romantiche, su una “agricoltura di vanga e zappa”, bensì saldamente sostenuto dal progresso tecnologico e scientifico.
L’obiettivo di tutti è quello di garantire il progresso dell’impresa agricola nazionale. Oggi produciamo il 75% di quello che consumiamo: per aumentare il grado di autosufficienza uno dei principali strumenti a nostra disposizione ci è fornito dalla ricerca e dall’innovazione che attraverso il seme certificato viene trasferito lungo il processo produttivo con benefici per tutti gli attori della filiera.
L’intesa sancita in seno al Consorzio CONVASE si prefigge di individuare gli strumenti idonei per cercare di aumentare sempre di più il grado di autosufficienza del nostro sistema produttivo e di assicurare ai consumatori italiani cibo 100% Made in Italy.
È per tale motivo che Confagricoltura vi ha aderito e la supporta convintamente.

Al seguente link è possibile visualizzare il video dell’intervista.

Carli, Assosementi: Gioco di squadra a supporto della ricerca

Assosementi aderisce con convinzione al CONVASE e lo fa insieme a diverse Organizzazioni professionali agricole che ritengono che il gioco di squadra non possa che portare benefici e risultati al settore agricolo. Il Presidente Assosementi Carli ha sottolineato come tutte le Organizzazioni che oggi hanno aderito al CONVASE sono convinte che il seme certificato sia l’elemento imprescindibile senza il quale non è possibile tracciare in maniera seria e completa la filiera produttiva. Tracciabilità che sempre più sta alla base delle nuove politiche comunitarie e nazionali e che traccia la strada giusta per valorizzare le nostre produzioni mantenendole competitive e sostenibili.
Il Presidente Carli ha più volte rimarcato la necessità di continuare a fare ricerca, pilastro portante dell’attività sementiera e strumento di progresso per il nostro sistema produttivo. Le ditte sementiere continueranno a fare ricerca nell’assoluta certezza che grazie alle innovazioni che la ricerca è in grado di produrre sarà possibile dare risposte vincenti alle difficili sfide che ci attendono in tema di sostenibilità, salvaguardia dell’ambiente, sicurezza alimentare, ma anche capacità competitiva del nostro tessuto produttivo.
L’attenzione delle ditte sementiere per la ricerca è sempre elevata: si guarda al futuro avendo i piedi ben saldi nel passato e nelle tradizioni. Gli strumenti innovativi a disposizione dei breeders oggi consentono di guardare avanti con maggiore sicurezza potendo utilizzare strumenti (ad esempio il predictive breeding) in grado di fornire elementi di predittivi di valutazione più sicuri.
Assosementi confida che il progresso tecnologico che oggi mette a disposizione dei bredeers strumenti di importanza straordinaria quali il genome editing possa quanto prima essere liberato dalle pastoie burocratiche che oggi ne limitano pesantemente l’impiego frenando di fatto il progresso della nostra agricoltura.

Al seguente link è possibile visualizzare il video dell’intervista.

Tassinari, CONVASE: L’importanza di fare sistema

Ad un anno di distanza dal lancio dell’idea di un percorso di tracciabilità per la filiera cereali, il CONVASE rilancia il suo progetto “Seme di qualità”. Lo fa in occasione della conferenza che si è tenuta venerdì 26 febbraio e che ha visto la partecipazione in presenza dei rappresentanti del mondo sementiero (Assosementi) e di quello agricolo (Confagricoltura, CIA-Agricoltori Italiani, Copagri, Alleanza delle Cooperative Agroalimentari). Folta la partecipazione online resa obbligatoria dalle limitazioni imposte dalla pandemia da COVID.
Alla vigilia di una nuova campagna, il progetto “Seme di qualità” viene rafforzato dall’adesione al Consorzio di tutte le Organizzazioni presenti all’evento di Roma che vedono nel progetto CONVASE uno strumento utilissimo per garantire la tracciabilità della filiera partendo dal seme, primo fondamentale anello di moltissimi cicli produttivi.
Il ruolo centrale del seme certificato, così come quello della ricerca, sono stati più volte rimarcati nel corso dei diversi interventi che si sono succeduti durante l’incontro: seme certificato non solo come elemento di garanzia, ma anche come strumento di supporto diretto ai programmi di ricerca.
Il Presidente CONVASE Tassinari ha voluto andare oltre tali fondamentali aspetti sottolineando l’importanza della collaborazione sancita formalmente in occasione della conferenza, collaborazione che vede il Consorzio fungere da catalizzatore per la costruzione di un momento di confronto interprofessionale che avrà il compito di intercettare le aspettative del settore sementiero e di quello agricolo, anticipandone le esigenze e individuando le soluzioni più opportune per lo sviluppo dell’intero sistema produttivo.
Una collaborazione che giunge a coronamento di un lungo processo di avvicinamento di due settori in passato non sempre allineati, a volte conflittuali, ma sempre strettamente connessi e che oggi riconoscono nella creazione di un confronto costruttivo un’arma efficace per dare risposte concrete alle numerose e difficili sfide che siamo chiamati ad affrontare nei prossimi anni.

Al seguente link è possibile visualizzare il video dell’intervista.